COME DIVENTARE I NUOVI RICCHI? TIM FERRISS CE LO SPIEGA.

“Come diventare ricchi?” A questa domanda troviamo risposta in un libro.

Oggi ti parlo di uno di quei libri che mi hanno cambiato la vita. Ce ne sono tanti in realtà, che hanno aperto la mia mente ad avere una nuova visione delle cose, ma questo è sicuramente importante da inserire nella lista. Si tratta di “4 ore alla settimana”, di Tim Ferriss.

Esistono pareri contrastanti in merito a questo libro, alcuni lo amano, altri lo odiano.

Molte persone lo definiscono un libro che porta false speranze, una truffa, ma poi ci sono anche persone come me, a cui ha realmente cambiato la vita.

Il sottotitolo di “ 4 ore alla settimana” è “ricchi e felici, lavorando 10 volte di meno” e capisco che possa sembrare una fregatura, ma se leggerai il contenuto, avrai modo di capire che non va recepito come un libro che ti vende un fumo di illusioni su come diventare milionario senza lavorare.

Tim Ferriss non cerca di venderti assurdità, ma semplicemente concetti. Concetti importanti, profondi, che cambieranno il tuo modo di vedere quelle persone tanto ricche che vedevi come punti di riferimento per la tua vita ideale.

Puoi guardare anche il mio video “chi sono i Nuovi Ricchi”, che trovi qui sotto o nella sezione “BookRev” :

Come dicevo, le teorie di Tim Ferriss, mi hanno fatto cambiare il modo di vedere la mia vita, il business, il fatto di viaggiare e lavorare contemporaneamente… insomma ha avuto un impatto potente sulla mia vita.

Voglio condividere con te i 2 concetti più importanti, che vengono raccontati in questo libro incredibile.

Il primo concetto che spiega Tim, è quello dei “Nuovi Ricchi”, una teoria davvero affascinante.

Vuole far riflettere sul prototipo di ricchezza che siamo abituati a giudicare come tale. Pensiamo sempre che diventare ricchi voglia dire avere tanti soldi, ma se ci pensiamo bene, esistono altri due tipi di ricchezza nella società.

  1. il tempo

  2. l’energia

Diamo sempre per scontato che la ricchezza sia associata all’essere benestanti economicamente, ma pensiamo a quanto sarebbero davvero ricche quelle persone se avessero, oltre ai soldi, anche tanto tempo libero ed energie per viversi a pieno la vita.

Magari puoi essere un ricco imprenditore, ma se non hai energie per alzarti dal letto, sei veramente ricco? oppure hai i milioni in banca, ma sei sempre talmente impegnato da non avere tempo per stare con i tuoi cari e goderti la vita. Sei veramente ricco?

La risposta di Tim Ferriss è no.

Io personalmente, così come ha fatto Tim, ho messo in discussione il concetto di ricchezza economica, per concentrarmi nel diventare un “nuovo ricco”.

Non mi fraintendere, guadagnare soldi e crearci una stabilità economica è fondamentale. Ma a questo possiamo anche aggiungere uno stile di vita che ci possa dare la libertà di vivere a Bali, in Thailandia o anche in Italia, ma avendo tempo ed energie a disposizione per fare ciò che ci rende felici. Questi sono i Nuovi Ricchi!

Se vorresti adottare anche tu un lifestyle da nomade digitale e lavorare girando il mondo, ti consiglio di leggere anche questo articolo, in cui spiego come lavorare online.

 

L’altra teoria di cui voglio parlarti, è quella che viene spiegata da Tim Ferriss, semplicemente con 4 lettere, D.E.A.L. e che serve appunto, per diventare dei “Nuovi Ricchi”.

  • “D” sta per DEFINISCI.

Con “definizione” intende proprio di fare chiarezza su ciò che vogliamo realmente, sulla vita che vogliamo avere. Che lavoro vogliamo fare, quanto vogliamo guadagnare, dove vogliamo vivere. Dobbiamo definire qual’è la situazione che ci renderebbe davvero felici, per poi creare il nostro piano per realizzarla.

Ho scritto anche una guida, “Roadmap”, che potrebbe aiutarti a capire che lavoro potresti fare in base alle tue passioni! La puoi trovare qui.

 

  • “E” sta per ELIMINA.

Bisogna eliminare le attività inutili dalla nostra vita ed ottimizzare il nostro tempo. Ad esempio le distrazioni che derivano dal mondo dei social media, che anche se non ci rendiamo conto, portano via tanto tempo della nostra produttività e concentrazione. Rispondere alle E-mail è un’altra distrazione che porta via tantissimo tempo alle persone (me incluso).

 

  • “A” sta per AUTOMATIZZA.

Per “automatizzare”, in questo caso si intende un concetto sempre legato al business. Possiamo delegare alcuni compiti a un assistente o ad un software teconologico, per guadagnare tempo e sfruttarlo magari per girare il mondo e goderci le cose che amiamo di più.

 

  • “L” sta per LIBERATI.

L’ ultima lettera è importantissima per cambiare stile di vita.

Il concetto è: liberati dalle cose inutili, adotta un sistema minimalista, senza avere il peso delle rate di una casa o di una macchina… porta con te l’essenziale.

Ho fatto un video dove parlo del mio stile di vita minimalista, che trovi qui.

Sostanzialmente, liberati da preoccupazioni e oggetti inutili, magari liberati anche dall’obbligo di location, scegliendo di lavorare come freelance o imprenditore digitale, semplicemente da un computer, da ogni parte del mondo o dal salotto di casa tua.

Così, potrai essere libero al cento per cento!

Queste sono le 4 lettere che costituiscono il codice dei “Nuovi Ricchi”, ma se posso darti un consiglio personale, non dovresti seguire tutto alla lettera, ma prendere soltanto le nozioni utili per cambiare la tua vita e trasformarla in ciò che vorresti.

Non tutti vorrebbero avere uno stile di vita da nomade digitale, magari ami il tuo lavoro e non vorresti assolutamente vivere all’estero e girare il mondo, ma hai solo bisogno di ottimizzare il tuo tempo, per essere più produttivo e goderti di più la vita.

Questo libro ti da tanti spunti per migliorare la qualità della tua vita e del tuo business.

Ognuno di noi ha sogni e progetti differenti e dobbiamo seguire soltanto i consigli e i piccoli segreti, che potrebbero aiutarci a realizzarli.

Questo articolo fa parte della sezione “Book Revolution”, che puoi trovare anche sul mio canale youtube , dove puoi trovare i libri che hanno cambiato la mia vita e che spero possano essere utili anche a te. 🙂

Un abbraccio,

Gabri